skip to Main Content

Aiuto! Chi me lo traduce?

Come orientarsi nel settore della traduzione

Come orientarsi nel settore della traduzione

Vi è mai capitato di trovarvi tra le mani un documento da tradurre in un’altra lingua e aver pensato: “E ora, che faccio?”

Magari avete una buona conoscenza delle lingue coinvolte e avete deciso di occuparvene voi.

Oppure avete iniziato a scartabellare la vostra rubrica alla ricerca di qualcuno tra amici, conoscenti o colleghi che se ne potesse occupare.

Avete persino provato a chiamare quel vostro lontano cugino che sapete aver trascorso almeno un anno in Erasmus all’estero.

Alla fine, ecco che quel documento ha preso forma in un’altra lingua. Avete trovato una soluzione al problema e ora avete tra le mani il documento tradotto.

Sì, ma tradotto come?

Ho voluto scrivere questa piccola guida gratuita pensando a chi magari ha bisogno di affidare a qualcuno la traduzione di un testo ma non sa bene come destreggiarsi nel mondo dell’offerta dei servizi di traduzione.

Argomenti trattati

Per darvi un’idea degli argomenti trattati,

  • provo a spiegare cosa significa tradurre,
  • perché e quando occorra rivolgersi a un professionista della traduzione e quale scegliere (traduttore/interprete/agenzia di traduzioni),
  • quali criteri prendere in considerazione per scegliere un professionista che faccia al caso proprio,
  • quanto costa una traduzione e di quali fattori un traduttore tiene conto nel momento in cui prepara un preventivo,
  • se e come sia possibile risparmiare (!)

e infine…

  • come ingraziarsi un traduttore, che può sempre servire!
Scarica la guida ai servizi di traduzione

Il mio “dietro le quinte”

Quando si è così strettamente coinvolti dall’argomento, scrivere una guida di questo tipo non è semplice. Tutto ciò che vi troverete è infatti frutto della mia personale esperienza come traduttrice professionista dal 2010 ad oggi. Nell’ottica di mettermi nei panni di chi di traduzione non ne sa nulla, la mia parola chiave è stata “semplificare”.

Non vuole vantare completezza o esaustività, tutt’altro. Il mio desiderio è anzi quello di continuare ad arricchirla nel tempo. Se dunque ritenete che un qualche punto sia da elucidare ulteriormente o che vi siano aspetti aggiuntivi da trattare, scrivetemi! Ne sarei molto felice.

Scarica la guida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per iscriverti alla newsletter, fai clic qui

Back To Top